Scavi al Palasio

Scavi al Palasio mostra archeologica

Nel febbraio 2013, nel corso di un sopralluogo in un cantiere edile in zona Palasio, il Servizio archeologico cantonale ha rinvenuto importanti strutture archeologiche. Ne è seguito uno scavo che ha portato alla luce un contesto sepolcrale situato direttamente sotto montagna, a soli 700 metri dalla grande necropoli scoperta precedentemente in zona campagna. Gli scavi al Palasio hanno permesso di ritrovare una trentina di tombe databili tra il IV e il II secolo a.C.: sepolture a inumazione, con orientamento NE-SO (tranne una, orientata NO-SE), delimitate da muretti in sasso locale e chiuse con lastre litiche. L’estensione e i limiti della necropoli non sono ancora noti se non nella parte ovest, dove la presenza di alcune lastre infisse verticalmente nel terreno suggerisce l’esistenza di un recinto che delimitava l’area funeraria. Questo luogo di sepoltura sembra trovarsi nelle vicinanze dell’antico abitato, molto probabilmente insediato lungo la via di transito pedemontana.
Due anni dopo la scoperta, quanto recuperato (e restaurato) dagli scavi al Palasio ha dato vita a una esposizione itinerante, allestita dapprima nella sala del Consiglio comunale del Borgo (dal 21.12.2015 all’ 11.03.2016) e in seguito (dal 4.04 al 13.05.16) nella Biblioteca cantonale di Bellinzona.

PDF Esposizione “Scavi al Palasio” a Giubiasco