La Flavescenza dorata (FD) è ancora ben presente nei vigneti ticinesi e solo una concreta lotta – da parte di viticoltori e Comuni – può contrastala con efficacia. Per far fronte a questa malattia valgono i consigli:

. utilizzare materiale vivaistico sano;
. rinunciare a varietà molto sensibili (come, ad esempio, la Chardonnay);
. controllare i vigneti e segnalare la presenza di sintomi tipici al Servizio fitosanitario;
. eliminare rapidamente le viti sintomatiche;
. eliminare i vigneti abbandonati e le viti “inselvatichite”;
. lottare contro l’insetto vettore, lo Scaphoideus titanus.

I trattamenti, obbligatori, devono essere eseguiti su tutte le piante di vite di ogni varietà presenti nelle aree toccate dalla malattia; naturalmente anche nei vigneti gestiti in maniera biologica si deve intervenire contro il vettore della Flavescenza dorata.
Il periodo per effettuare gli interventi è indicato di volta in volta dal Servizio fitosanitario, a seconda della presenza e dello sviluppo delle larve dello Scaphoideus titanus.

Documentazione 2017:

1. Decisione FD 2017

2. Istruzioni accompagnatorie Decisione

3. Lettera a Comuni/viticoltori